Ultimo aggiornamento venerdì, 19 Luglio 2019 - 23:36

Via Marina, l’affondo di De Luca: “Tutta colpa del comune”

Le dichiarazioni del governatore della regione Campania fatte a Lira Tv

Politica
7 Aprile 2019 11:56 Di redazione
2'

Via Marina è ancora un cantiere aperto. La nuova ditta incaricata di completare i lavori procede a rilento. L’ultimo colpo ad un’opera incapace di vedere la luce del sole, l’ha data una tragedia accaduta nei giorni scorsi: un clochard è deceduto dopo essere stato investito da un tir.

Come se non bastasse, è esplosa anche la furiosa polemica in merito al grande totem pubblicitario che sarà installato al centro della rotonda Stella Polare. La struttura, larga 22 metri e alta 11, sarà ricoperta da mega-schermi luminosi. Sulla sua sommità saranno applicati 28 pannelli al led, di 2,5 metri per 3,5, dove scorreranno 24 ore su 24 spot e immagini di Napoli.

Sull’intera vicenda è intervenuto anche il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca: “Siamo gli unici che abbiamo fatto investimenti, per il resto encefalogramma piatto e in qualche caso paghiamo l’inefficienza dei cantieri chiusi, è il caso della città di Napoli. Il cantiere di via Marina è stato finanziato dalla Regione per 23 milioni di euro, avremmo dovuto fare la rendicontazione della spesa entro marzo 2019, non possiamo rendicontare nulla perché il cantiere è ancora aperto. E quindi la Regione Campania perderà una ventina di milioni per inefficienza del Comune di Napoli, queste sono le regole europee. Ci auguriamo di non perdere altri 90 milioni per i lavori sulla linea 6 della Metropolitana, stiamo in forte ritardo e stiamo cercando di contrattare con l’Unione europea per una proroga dei termini perché perdere 20 milioni vabbè ma perderne altri 90 c’è da stare male“, ha affermato l’ex sindaco di SalernoLira Tv.

Via Marina, l'affondo di De Luca: "Tutta colpa del comune"

LEGGI COMMENTI