Ultimo aggiornamento mercoledì, 17 Luglio 2019 - 22:12

L’inchino di Bono Vox a Mario Merola a Sanremo, il racconto del figlio Francesco

Spettacolo
29 Marzo 2019 14:08 Di redazione
2'

Tra i 300 invitati presenti al Grand Hotel “La Sonrisa” per il matrimonio di Tony Colombo e Tina Rispoli c’era anche Francesco Merola, figlio del grande Mario, il re della sceneggiata scomparso nel 2006.

Ai microfoni di VocediNapoli.it, Francesco ricorda vari aneddoti sulla vita del padre, raccontando la propria versione dei fatti sul famoso “inchino” di Bono Vox, cantante degli U2 durante una esibizione a Sanremo avvenuta nel 2000. In quella circostanza il leader del gruppo rock irlandese scende in platea continuando a cantare e, piano piano, si avvicina a un signore in smoking che applaude. Bono lo guarda negli occhi e poi si inchina per ringraziarlo dell’omaggio. Quell’uomo e Mario Merola e, secondo il racconto del figlio Francesco, tra i due c’era un’amicizia nata al termine di un concerto tenuto dal napoletano in America.

“Bono – commenta Francesco Merola – aveva amici italiani che lo portarono a vedere un concerto di mio padre in America. Questo spiega l’inchino avvenuto a Sanremo qualche anno fa perché era riconoscente al re della sceneggiata. C’è stata una grande amicizia – aggiunge -, è tutto reale, non abbiamo pagato nulla. L’inchino lo fece perché era riconoscente al re della sceneggiata”.

LEGGI COMMENTI