Ultimo aggiornamento martedì, 23 aprile 2019 - 19:56

Hamsik, nell’affare un accordo sul cinema: il presidente del Dalian è il più grande gestore di sale cinematografiche della Cina

Secondo Forbes, Wang Jianlin è il 18esimo uomo più ricco del mondo ed è anche proprietario della più grande impresa immobiliare cinese

Calcio Napoli
5 Febbraio 2019 17:48 Di redazione
2'

Marechiaro in Cina, potrebbe essere il titolo di un possibile e futuro film del presidente Aurelio De Laurentiis prodotto e distribuito in Cina. Al di la del nome della probabile pellicola, tutto il resto potrebbe non essere soltanto fantasia. Infatti, come riportato da Il Napolista, oltre ai milioni relativi al cartellino di Marek Hamsik e al suo ingaggio, dietro l’affare concluso da AdlWang Jianlin (patron del Dalian) potrebbe esserci anche un accordo cinematografico.

Infatti, Jianlin oltre ad essere il presidente del club cinese nel quale l’ormai ex capitano azzurro andrà a giocare, è stato stimato da Forbes come il 18esimo uomo più ricco del pianeta (e il primo in Cina con un patrimonio stimato nel 2016 di 33.5 miliardi di dollari). Proprietario della più grande impresa immobiliare cinese (la Dalian Wanda Group), Jianlin è anche il più grande gestore di sale cinematografiche della Cina (dopo l’acquisto dell’AMC Entertainment Holdings per 2.6 miliardi di dollari). E questo potrebbe essere uno dei tanti motivi che avrebbe spinto De Laurentiis a chiudere la trattativa per la cessione del centrocampista slovacco.

Jianlin aveva già provato a fare acquisti in serie A. Prima circa 50 milioni offerti al Torino per Andrea Belotti e poi 60 milioni di euro proposti alla Lazio per Ciro Immobile. Ma sia Urbano Cairo che Claudio Lotito non hanno concretizzato le due trattative. Adesso, a ridosso dell’inizio del campionato, la squadra più titolata della Cina potrà disporre delle prestazioni di Hamsik. Ma i veri investimenti nel mondo del calcio il Wanda Group li aveva fatto nell’asset societario dell’Atletico Madrid e nella società Infront per poi uscirne a causa delle severe leggi fiscali approvate dal governo cinese.

Hamsik, nell'affare un accordo sul cinema: il presidente del Dalian è il più grande gestore di sale cinematografiche della Cina

LEGGI COMMENTI