Ultimo aggiornamento sabato, 16 febbraio 2019 - 21:15

I Bastardi di Pizzofalcone a fumetti, i personaggio diventano animali

Libri
31 Gennaio 2019 13:26 Di Elisabetta Fasanaro
2'

I Bastardi di Pizzofalcone continua a riscuotere successo: dopo la seguitissima saga letteraria e la fortunata serie tv con protagonista Alessandro Gassman, arriva anche una versione a fumetti delle avventure dell’ispettore Lojacono. Non si tratta però di un fumetto come tutti gli altri, come si può vedere già dalla copertina del primo volume, in cui Lojacono ha il muso di un Dobermann, il commissario Palma è un labrador e la bella pm Piras è raffigurata come un levriero dal pelo candido.

Un’idea, questa, suggerita proprio dallo stesso Maurizio de Giovanni, papà della serie, che dopo la pubblicazione delle avventure del Commissario Ricciardi rinnova il suo accordo con Bonelli. “Volevamo poter proporre i personaggi in una maniera originale, così abbiamo accettato la proposta di Fabiana Fiengo e Maurizio de Giovanni di proiettare quel ciclo in un universo animale mai immaginato fino ad oggi in casa Bonelli. Le interpretazioni grafiche zoomorfe sono state scelte in base al carattere dei personaggi” racconta il direttore editoriale Michele Masiero al Corriere del Mezzogiorno.

Il primo volume uscirà ad aprile, sarà colori e con copertina rigida (144 pagine, 19 euro). I disegni sono di Fabiana Fiengo, la sceneggiatura è di Claudio Falco e Paolo Terracciano, mentre colori e lettering sono affidati alla Scuola Italiana di Comix, coordinata da Mario Punzo e Giuseppe Boccia. La copertina invece è di Daniele Bigliardo.

“Pizzofalcone esiste veramente” dice de Giovanni, “ed è il nome della collina sopra piazza del Plebiscito: è una zona che unisce realtà sociali e ceti diversi, tra nobiltà partenopea e gente dei quartieri spagnoli. Il commissariato l’ho inventato e collocato in quel luogo, perché tra quei confini invisibili di condizioni differenti emergono contrasti forti che danno luogo a personaggi straordinari”.

A maggio inoltre andrà in edicola il Ricciardi Magazine 2019, con cinque racconti accorpati in quattro storie a fumetti: I vivi e i morti (Sergio Brancato e Daniele Bigliardo), Mammarella (Claudio Falco e Luigi Siniscalchi), Quando si dice il destino (Claudio Falco e Lucilla Stellato), L’ultimo passo di tango (Paolo Terracciano e Alessandro Nespolino).
LEGGI COMMENTI