Ultimo aggiornamento martedì, 13 novembre 2018 - 19:31

Napoli, insulta extracomunitario in Circumvesuviana: la reazione della signora è da applausi (VIDEO)

Cronaca
3 novembre 2018 10:25 Di Fabiana Coppola
3'

Non sei un razzista, sei uno str***o“, con queste parole la donna asfalta il giovane “guappo” della situazione. Un gesto eroico, quello della signora, considerando la violenza gratuita di cui il giovane si sarebbe potuto rendere protagonista. E così in una serata piovosa in cui si è in Circumvesuviana, a Napoli, per tornare a casa dopo il lavoro, si è costretti anche ad assistere a scene degradanti e al limite del razzismo. Ebbene sì perché le affermazioni del giovane derivano più da una profonda ignoranza e violenza ingiustificata piuttosto che dall’essere razzista, o peggio ancora fascista.

Preferisco che l’Italia diventi loro piuttosto che di personaggi come te, fascista e razzista”. Con queste parole la signora napoletana ha difeso un giovane pakistano, aggredito e insultato dal bulletto decerebrato. Una scena pietosa avvenuta in un vagone di un treno tra la passività del restante popolo seduto in silenzio, in attesa di assistere magari alla prossima “tragedia che si poteva evitare” mentre qualche altro invece di intervenire riprende la scenetta con lo smartphone, magari deridendo anche la povera signora.

Il video è stato diffuso sui social, ma un utente ha voluto giustamente commentare l’episodio:

“Non c’è il resto del filmato, ma la signora, davvero coraggiosa, al crescendo di aggressività del tipo in questione, che la minaccia di essere in procinto di sferrargli un pugno, gli dice: “come ti vedo alzare le mani ti scasso l’ombrellone in testa”. Il ragazzo si alza e se ne va imprecando malamente ma si ferma davanti alla porta di uscita, come in attesa. Quando la signora, tre fermate dopo, fa per alzarsi, per niente intimorita e con un sorriso sereno – nient’affatto beffardo – non si fa nessun problema a prendere l’uscita verso la porta dove sta sostando il tipo. A questo punto un altro ragazzo, un manovale stanco di fatica e sporco di calce, chiaramente uno straniero dell’est europa, si alza e la segue alla porta. Quando il treno si ferma, la signora scende, il tipo che inveiva e che l’aveva guardata con rabbia all’approssimarsi della fermata rimane sull’uscio e l’ucraino (?), una volta chiusasi la porta, torna a sedersi. Aveva seguito la signora per assicurarsi che non fosse aggredita vigliaccamente mentre scendeva.”.

Video:

LEGGI COMMENTI