Ultimo aggiornamento giovedì, 18 ottobre 2018 - 17:36

Social World Film Festival 2018: presentata l’ottava edizione

Cultura
18 luglio 2018 16:10 Di Valentina Giungati
2'

Il Social World Film Festival 2018 si terrà dal 29 luglio al 5 agosto in una cornice d’eccezione: Vico Equense. Tante novità quest’anno con la retrospettiva di Rai Cinema Channel, le nuove sezioni, il focus sulle serie tv e il record di opere selezionate, ben 600 tra in concorso e fuori concorso. Si preannuncia un festival scoppiettante con la madrina Katherine Kelly Lang e la dedica a Sophia Loren con una mostra fotografica e tutta la grafica che vantano il suo volto in copertina.

Una settimana dedicata alla settima arte, la Costiera Sorrentina apre le sue porte ad artisti provenienti da ogni parte del mondo con una forte presenza femminile e uno staff totalmente under 35. Claudia Cardinale sarà presidente onorario, Stefania Sandrelli riceverà il premio alla carriera, il tema di quest’anno sarà “Passione. Sentimento, sensazione, sacrificio”. Undici sezioni competitive e non competitive, sette giurie, il Mercato europeo del cinema giovane e poi incontri, dibattiti, conferenze, incontri, aperitivi con i grandi nomi del panorama nazionale ed internazionale.

La Mostra Internazionale del Cinema Sociale avrà come presentatrice l’attrice Roberta Scardola che inaugurerà domenica 29 luglio la kermesse. Nelle giornate ci saranno omaggi a Paolo Villaggio, Carlo Vanzina, incontri con le scuole, approfondimenti su ‘Gatta Cenerentola’, il tributo al cinema con Michele Placido, e la sfilata di ospiti d’onore che firmeranno il Wall of Frame, unico monumento al cinema in Italia. Attesi 500 personaggi tra attori, registi e autori.

Ancora una volta il Social World, organizzato dal Comune di Vico e candidato al Piano Cinema 2018, si appresta ad essere un festival unico nel suo genere. Negli ultimi otto anni grazie alla collaborazione con gli Istituti di Cultura e le Ambasciate nel mondo, Vico è stato portato nel mondo attraverso il cinema.

“Il Social World Film Festival è nato come momento unico dedito alla celebrazione dei talenti, soprattutto quelli giovani che hanno poco spazio e possibilità, spiega Giuseppe Alessio Nuzzo, direttore generale e regista, e le passioni, quelle vere, quelle che muovono tutto anche quando all’apparenza, agli occhi dei tanti, dei più non c’è nulla o poco”. 

LEGGI COMMENTI