Ultimo aggiornamento giovedì, 19 luglio 2018 - 15:40

Posillipo, blitz della Guardia costiera: sequestri e sanzioni

L'operazione è rientrata all'interno di una strategia che ha l'obiettivo di contrastare il fenomeno dell'abusivismo

Cronaca
11 luglio 2018 10:57 Di redazione
2'

È stata un’ulteriore giornata di intenso lavoro per il personale della Direzione marittima di Napoli. Fin dalla mattinata di ieri, infatti, coordinati dal c.a. (cp) Arturo Faraone, uomini, mezzi e motovedette della Guardia costiera, unitamente a personale delle altre forze di Polizia, sono stati impegnati sul litorale di Posillipo.

Le forze dell’ordine hanno attivato una serie di operazioni tese al contrasto di fenomeni di abusivismo a danno del pubblico demanio marittimo lungo il litorale partenopeo. La Guardia costiera, dopo una lunga attività di indagini che hanno recepito anche le segnalazioni di associazioni ambientaliste e numerosi esposti, ha individuato una serie di attività commerciali abusive che invadevano e deturpavano la scogliera.

Tali attività erano tutte assolutamente prive di qualsivoglia autorizzazione o concessione, precisamente in località Maerechiaro. Tra le opere abusive spiccava una baracca in legno e lamiera, adibita a bar e ristorante che veniva immediatamente sottoposta a sequestro penale. Così come numerosi arredi balneari, adibiti a noleggio, anche in questo caso senza i prescritti atti autorizzativi.

Inoltre, nelle vicinanze della baracca, veniva rinvenuta anche la sostanza psicotropa definita marijuana, sottoposta a sequestro da parte della Guardia di finanza. Le indagini stanno proseguendo serrate allo scopo di individuare i responsabili dei reati riscontrati ed inoltre la Guardia costiera provvederà a investire l’autorità portuale per il provvedimento amministrativo di competenza, al fine del ripristino dello stato dei luoghi e affinché si possa restituire alla collettività la parte di scogliera sottratta illecitamente alla libera fruizione.

LEGGI COMMENTI