Ultimo aggiornamento giovedì, 21 giugno 2018 - 14:03

Castello aragonese di Baia: riapre la chiesa del Cinquecento

Cultura
30 maggio 2018 15:28 Di Valentina Giungati
2'

Riapre la Chiesa della Madonna del Pilar all’interno del Castello aragonese di Baia che risale a metà del ‘500. L’inaugurazione si terrà domenica 3 giugno alle ore 12.30 con la celebrazione della Santa Messa da parte del vescovo della Diocesi di Pozzuoli, S.Eccellenza Gennaro Pascarella.

Un passo importante portato avanti dal Parco archeologico dei Campi Flegrei d’intesa con la Diocesi di Pozzuoli, finalmente la comunità potrà nuovamente godere di un simbolo storico di immensa importanza. “La riapertura della Chiesa segna un momento importante di dialogo con il territorio – ha dichiarato il direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei, Paolo Giulierini -. Una sinergia tra enti e attenzione per la comunità locale, molto legata all’antico edificio di culto. Per il Parco la presenza dell’antica Chiesa rappresenta un valore aggiunto ed offre una possibilità in più per visitare anche il Castello e il museo archeologico dei Campi Flegrei. L’attenzione al recupero e all’integrazione dei beni presenti, con il coinvolgimento di tutte le realtà presenti in questo bacino, è una strada che intendiamo percorrere ancora in altri ambiti”.

La Chiesa, costruita nel 1556, è inserita nel complesso del Castello di Baia, e si apre sulla piazza D’Armi. La Madonna del Pilar, a cui è intitolata, è raffigurata nel quadro tardo-cinquecentesco dell’altare maggiore, dove sullo sfondo può essere riconosciuta una veduta del Castello aragonese. Sopra gli altari laterali sono collocate due tele seicentesche: quella di destra, raffigurante la Madonna del Rosario con San Domenico e Santa Caterina; quella di sinistra, Santa Barbara con San Giovanni Battista e San Rocco. Un busto e due lapidi sono dedicate a don Diego Quintano de Rosales Marchese di Matonte, che nella prima metà del ‘600 fu comandante del Castello per venti anni. L’edificio fu interessato nei secoli da una serie di restauri, un’epigrafe ricorda gli interventi eseguiti da Ferdinando IV nel 1784. Parrocchia dal 1642, la chiesa fu in uso al contingente di truppe di stanza nel castello e ai loro familiari, e frequentata dai pochi abitanti dei dintorni. Documenti archivistici forniscono informazioni sull’attività svolta nel corso degli anni.

LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi