Ultimo aggiornamento domenica, 24 giugno 2018 - 21:30

Infermiere del Nord: “Tra un nonno di 100 anni di Milano e un bimbo di Napoli salvo il primo”

Cronaca
13 marzo 2018 12:03 Di Fabiana Coppola
2'

Sconcertante il post dell’infermiere del Nord che sta facendo discutere l’Italia. “Io da infermiere dico solo che tra un nonno milanese di 100 anni e un bambino di 6 napoletano, io rianimerò sempre il nonno milanese“. Le parole, divenute virali tra la nottte di sabato e domenica, hanno sconvolto migliaia di persone, ma in molti hanno appoggiato il pensiero razzista mostrando ancora una volta un’Italia profondamente spaccata tra Nord e Sud.

Nonostante le migliaia di condivisioni e like, il post dell’infermiere è sparito nell’arco di una giornata, anche se qualcuno ha salvato l’immagine che ritrae quelle parole di odio profondo che mostrano un paese disgiunto e pieno di odio. Il caso è stato intanto denunciato alle autorità competenti. “Il Movimento Neoborbonico ha inviato al presidente uscente della Regione Lombardia Roberto Maroni, al nuovo presidente Attilio Fontana e all’Assessorato alla Sanità, una richiesta per avviare un’inchiesta in merito ad un tale Alessio Federico autore di un post su Facebook che in poche ore è diventato virale – annuncia Gennaro De Crescenzo, presidente dell’organizzazione, sul suo profilo Facebook –. Federico si dichiara infermiere e risulterebbe effettivamente tirocinante qualche anno fa presso la Clinica San Siro di Milano. Il post in questione è un post di stampo razzista e anche inquietante per chi esercita la professione di operatore sanitario”.

Nel profilo in questione diversi i riferimenti alla Lega, al “Grande Nord” e al gruppo “Napoli fa schifo” oltre ad altre affermazioni (“i parassiti da Roma in giù” o “le liste preferenziali per i lombardi”). Si è richiesto, quindi, alle autorità lombarde di accertare se effettivamente il Federico svolge attività in qualche struttura della regione e di valutare se non ci siano gli estremi per un’inchiesta finalizzata ad accertare l’idoneità dei titoli acquisiti dal Federico. ‘episodio dimostra ancora una volta che il razzismo antimeridionale è ancora diffuso e radicato al Nord e che, al di là delle dichiarazioni elettoralistiche, i consensi riferibili al mondo della Lega, non sono distanti da quel razzismo. Di qui la necessità di un intervento anche urgente da parte delle istituzioni lombarde“.

LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi