Ultimo aggiornamento lunedì, 11 dicembre 2017 - 21:08

Luci di Natale a Napoli, la città sarà illuminata a metà

Il Comune non ha i fondi necessari a coprire la spesa per tutto il territorio e aveva fatto appello ai privati

29 novembre 2017 16:26 Di Sveva Scalvenzi
4'

Quest’anno a Natale la città di Napoli sarà illuminata a metà, il Comune, infatti, con i fondi che ha a disposizione non riuscirà a coprire tutti i quartieri cittadini. Le casse dell’amministrazione, come si sa, navigano in pessime acque, a questo va aggiunto il provvedimento della Corte dei Conti che, in attesa che il Comune entro il 31 dicembre ripresenti il piano di riequilibrio, rivedendo le anomalie riscontrate dall’organo sulla dismissione del patrimonio immobiliare e la riscossione delle multe, ha bloccato la spesa comunali fino a fine anno.

Provvedimento che, chiaramente ha messo in serie difficoltà le casse comunali a partire dal problema del risanamento dell’azienda Anm, fino ad arrivare alla questione delle luminarie natalize, che non potranno essere realizzate totalmente dall’amministrazione. Il comune, infatti, utilizzerà una parte dei fondi cumulati con la tassa di soggiorno, che dovrebbe aggirarsi intorno ai 450mila euro, con cui si provvederà a illuminare 67 strade in tutto il territorio cittadino rispetto alle 140 dell’anno scorso, dunque il 50% in meno. Oltre la zona dei Decumani, del centro storico, di Chiaia, di via Toledo e del Vomero, ci saranno la Sanità, Barra, piazza Garibaldi, Bagnoli, Marianella, Pianura, Ponticelli, Colli Aminei e Miano. L’amministrazione, dunque, ha provato a non escludere alcun quartiere ma è indubbio che coprendo con i fondi solo 67 strade, gran parte della città resterà al buio. Si è rivelato fallimentare l’avvio di un bando rivolto ai privati, che è scaduto il 27 novembre, per far sì che attraverso gli sponsor tutte le strade venissero illuminate nel periodo di festa, troppo breve il lasso di tempo in cui per riflettere e decidere se presentare o meno un piano.

De Magistris, durante l’abitudinaria diretta su Repubblica TV, ha dichiarato:
Il Comune ha fatto uno sforzo enorme, da questa settimana partiranno le installazioni nel centro storico e per metà dicembre dovrebbero essere coperte le medesime aree delle passate festività. Ringrazio gli operatori privati che hanno collaborato, ma mi sarei aspettato di più, a quanto mi dice l’assessore Borriello hanno dato disponibilità solo in tre aree: Corso Secondigliano, Corso Umberto e via Epomeo“, un’accusa rivolta ai privati, che ha rincarato dicendo:
“La Camera di Commercio che non illumina neanche piazza Bovio dove ha la sede, non dico di addobbare tutta la città, ma qualche piccolo segnale in più me lo sarei sinceramente aspettato“.
A sentir parlare il direttore di Confcommercio, Russo, il primo cittadino non può dare la colpa ai privati che non si sono fatti avanti:
Non si può costringere chi deve fare un investimento ad illuminare le strade centrali, ma anche quelle periferiche (come previsto nel bando del Municipio ndr). Questo è un aspetto importante che spetta però all’ente pubblico. Il privato investe per avere un ritorno d’immagine“.

Mancanza di fondi dovuta alla crisi finanziaria che sta attraversando il Comune di Napoli, ritardi nell’avviamento del bando, che è stato aperto solo per pochi giorni e mancanza di organizzazione, lasceranno il capoluogo campano illuminato a metà. Nelle zone che non rientrano nelle 67 strade, invece, se dovessero esserci luci e decori sarà solo per l’iniziativa dei singoli privati che si autotasseranno.
Rispetto alla grave situazione in cui si trovano i trasporti pubblici o alla totale assenza di manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, chiaramente le luci di Natale passano in secondo piano, ma sono comunque un tassello di un meccanismo che poco funziona e la colpa non può essere data di certo solo agli “operatori privati“.

Luminarie di Natale degli anni passati

Luminarie Natale Napoli
Luminarie Natale Napoli
Luminarie Natale Napoli
LEGGI COMMENTI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi