Ultimo aggiornamento lunedì, 20 Gennaio 2020 - 22:47

Le mani della camorra sul latte, arrestato l’imprenditore Adolfo Greco: ieri sera aveva ottenuto i domiciliari

I domiciliari per l'aggravarsi delle condizioni di salute

Area Vesuviana
15 Gennaio 2020 12:29 Di redazione
2'

Figura anche il noto imprenditore di Castellammare di Stabia (Napoli), Adolfo Greco, tra le 7 persone arrestate stamattina nell’ambito dell’inchiesta della DDA di Napoli su presunti fiancheggiatori del clan dei Casalesi.

Greco, che era concessionario in esclusiva sul territorio stabiese di prodotti del gruppo Parmalat e Latte Berna, e’ accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Per gli investigatori della Guardia di Finanza e della Polizia di Stato, avrebbe aiutato un’azienda – secondo la Procura Antimafia intestata a un prestanome della camorra – ad inserirsi nel settore della commercializzazione e distribuzione del latte.

Nella tarda serata di ieri Greco aveva ottenuto i domiciliari nell’ambito dell’inchiesta per estorsione aggravata dalla matrice camorristica per la quale e’ attualmente sotto processo. Per questi fatti e’ detenuto in carcere dal 5 dicembre 2018. Il provvedimento di attenuazione della misura cautelare era in attesa di esecuzione.

Il clan si era infiltrato nel settore attraverso un’azienda fittiziamente intestata a prestanome. Secondo gli investigatori gli indagati hanno fornito un contributo concreto all’associazione mafiosa consentendole di conservarsi e a rafforzarsi. Contestato anche il reato di trasferimento fraudolento di valori, con l’aggravante mafiosa. Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile di Napoli, dal Commissariato di Castellammare di Stabia e dal G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli.

Leggi altre notizie su Voce di Napoli

Seguici anche sulla pagina Facebook

Scarcerato il 'Re del latte', l'imprenditore Adolfo Greco va ai domiciliari
1
Ultimo aggiornamento 12:29
LEGGI COMMENTI