Ultimo aggiornamento giovedì, 19 luglio 2018 - 15:35

Ancelotti non fa crescere il Progetto. Monte ingaggi uguale a un anno fa

Calcio Napoli
9 luglio 2018 13:34 Di Dario Curcio
3'

Non ce ne voglia Carlo Ancelotti, ma ad oggi i numeri della Società sportiva calcio Napoli dicono che il suo arrivo all’ombra del Vesuvio è corrisposto ad un ridimensionamento più che a un passo avanti del progetto azzurro. Le cifre alle quali facciamo riferimento sono quelle del monte ingaggi dei calciatori attualmente sotto contratto con il presidente Aurelio De Laurentiis. L’anno scorso, a libro paga del Napoli, c’erano 27 calciatori per un esborso netto di 42.250 milioni d’euro (84.5 mln lordi).

Ora, invece, tra convocati per il ritiro di Dimaro-Folgarida e giocatori che si aggregheranno poi alla truppa azzurra perché reduci dal Mondiale di Russia 2018, siamo a quota 28 giocatori partenopei per un tetto stipendi pressoché identico: 42.3 mln d’euro netti, corrispondente a un lordo di 84.6 milioni della moneta europea. Somma che, però, è destinata a scendere ancora, considerando che alcuni dei calciatori attualmente in rosa sono destinati ad essere ceduti nel corso della campagna acquisti e cessioni che si concluderà immediatamente dopo ferragosto: Alberto Grassi, Amedeo Ciciretti, Adame Ounas e uno tra Vlad Chiriches, Nikola Maksimovic e Lorenzo Tonelli i principali indiziati alla partenza per un ulteriore risparmio quantificabile tra i 3.3 ed i 4.1 mln d’euo netti. Somma alla quale andrà decurtata, ovviamente, l’uscita dalle casse azzurre di una cifra oscillante tra un milione ed un milione e mezzo d’euro da destinare al futuro terzino destro che dovrà sostituire lo svincolato Christian Maggio.

Tra entrate ed uscite, perciò, alla fine il monte ingaggi napoletano dovrebbe assestarsi intorno agli ottanta milioni lordi, producendo per la Ssc Napoli un risparmio pari a poco meno di cinque milioni. Ad abbassare pericolosamente il tetto stipendi della società di proprietà della famiglia De Laurentiis, la minusvalenza generata dal mancato rinnovo di contratto di Pepe Reina. I tre estremi difensori azzurri attuali, infatti, percepiscono tutti insieme quello che costavano al Napoli l’anno scorso i soli Rafael e Sepe: due milioni netti e quattro lordi. Risparmiati interamente i cinque milioni lordi circa incamerati dall’ex titolare spagnolo della porta azzurra. Somma che, aggiunta all’eborso di tre milioni lordi per l’ex tecnico Maurizio Sarri, va a coprire per i due terzi l’ingaggio del nuovo allenatore Ancelotti (12mln lordi). Altro che crescita, altro che top player, altro che scudetto. Anche quest’anno il Napoli ha già vinto il solo e vero titolo che da sempre interessa alla proprietà partenopea: quello del bilancio.

LEGGI COMMENTI